Beato di Liébana "Codice di Berlino"


Questo codice, che risale al principio del XII secolo, e probabilmente realizzato in Italia, è una delle testimonianze meno conosciute di questo genere. Il manoscritto, che a suo tempo faceva parte della collezione di Carlo Morbio di Milano, è formato da 98 fogli e comprende 55 disegni a penna, arricchiti da tocchi di pigmenti di color rosso, ocra e giallo.

L’apparato illustrativo è uno dei motivi di interesse principali di questa opera, dato che comprende una versione arcaica e differente del programma iconografico che si incontra soprattutto in altre testimonianze della serie, e questo lo trasforma in un oggetto raro e prezioso per i bibliofili.

Originale (XI-XII sec.) conservato nella Biblioteca di Berlino

Formato del volume: 30 x 19,5 cm.

196 pagine con testo su due colonne e 44 linee in scrittura carolina e beneventana

Rilegatura in pelle su supporto ligneo

Carta speciale in pergamena invecchiata

Fogli assemblati, piegati e cuciti a mano

Tiratura unica di 995 esemplari, numerati e certificati mediante atto notarile

Volume di studio storico, artistico e paleografico

Presentato in una elegante custodia